Eventi in evidenza

eventi
  • SISMABONUS 110% CAMBIA IL CALCOLO DEI LIMITI DI SPESA: L’AGENZIA DELLE ENTRATE SPIEEGA COME CON UNA NUOVA RISPOSTA D’INTERPELLO
    SISMABONUS 110% CAMBIA IL CALCOLO DEI LIMITI DI SPESA: L’AGENZIA DELLE ENTRATE SPIEEGA COME CON UNA NUOVA RISPOSTA D’INTERPELLO

    L’Agenzia delle Entrate in merito ai limiti di spesa relativi al Superbonus ha cambiato orientamento sui requisiti per ottenere la detrazione, con la risposta 397/2021 ha parzialmente rettificato quanto affermato lo scorso aprile con la risposta 231/2021.
    IL CASO. Si è rivolto all’Agenzia delle Entrate il proprietario di un fabbricato composto da 6 unità immobiliari funzionalmente indipendenti e con accesso autonomo così organizzate:
    2 appartamenti (1 in classe A/3, 1 in classe A/4); 1 locale ad uso autorimessa (classe C/6) e 1 locale a uso magazzino/deposito (classe C/2), entrambi di pertinenza dell’appartamento A/3;
    altri 2 locali ad uso magazzino/deposito (classe C/2).
    Le volontà del proprietario erano quelle di realizzare, su tutto l’edificio, interventi di miglioramento sismico con consolidamento e/o rifacimento della copertura, dei solai, sottofondazioni e eventuali rinforzi sulle murature e ha chiesto all’Agenzia se e in quale misura potesse usufruire del Superbonus.
    L’Agenzia delle Entrate ha chiarito, che si può ottenere il Superbonus per i lavori antisismici anche se le unità immobiliari componenti l’edificio non sono funzionalmente indipendenti e non dispongono di uno o più accessi autonomi dall’esterno.
    L’Agenzia si è conformata al parere reso a febbraio dal Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici.
    Il CSLP ha affermato che, dovendo l’intervento di riduzione del rischio sismico analizzare necessariamente l’intera struttura, non è necessario verificare tali caratteristiche delle unità immobiliari.
    Dal momento che l’edificio oggetto del caso è composto da unità immobiliari residenziali e unità ad uso diverso, bisogna poi verificare che la superficie complessiva delle unità immobiliari destinate a residenza sia superiore al 50%. Se fosse inferiore, l’edificio non avrebbe diritto all’agevolazione.
    Per quanto riguarda il numero delle unità immobiliari presenti nell’edificio, l’Agenzia ha ricordato che un unico proprietario (o più persone fisiche comproprietarie) può ottenere il superbonus su un massimo di 4 unità immobiliari distintamente accatastate.
    Come spiegato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze in un’interrogazione in Commissione Finanze della Camera, le pertinenze non devono essere conteggiate, anche se distintamente accatastate. Questo significa che l’edificio rientra nei limiti previsti dalla normativa anche se composto da 6 unità immobiliari appartenenti ad un unico proprietario.
    Sulla base di queste considerazioni, l’Agenzia ha concluso che il richiedente ha diritto al Superbonus.
    I LIMITI DI SPESA DEL SISMABONUS
    Facendo riferimento alle spiegazioni fornite dal Mef, l’Agenzia ha reso noto, che per la determinazione dei limiti di spesa ammessi al Superbonus, occorre tener conto del numero di tutte le unità immobiliari di cui l’edificio è composto, incluse le pertinenze.
    Nel caso esaminato, il tetto di spesa del Superbonus per i lavori antisismici (trainanti) è pari a 96mila euro moltiplicato per le 6 unità immobiliari componenti il fabbricato. È invece esclusa la possibilità di ottenere il Superbonus per gli interventi Trainati realizzati sulle singole unità immobiliari non residenziali.
    L’AGENZIA CAMBIA ROTTA PER I LIMITI DI SPESA
    Con la risposta 231/2021, l’Agenzia aveva affermato che, dopo aver verificato che le unità immobiliari fossero funzionalmente indipendenti e dotate di accesso autonomo, il tetto di spesa dovesse essere calcolato con riferimento alle sole unità immobiliari residenziali e relative pertinenze unitariamente considerate, escludendo le unità immobiliari a destinazione diversa.
    L’Agenzia si è ora adeguata alle interpretazioni date dal Mef e dal CSLP.
    Allegate le Risposte dell’AdE 397/2021 e 231/2021

  • DECORO ARCHITETTONICO - SENTENZA CORTE DI CASSAZIONE
    DECORO ARCHITETTONICO  - SENTENZA CORTE DI CASSAZIONE

    La  seconda sezione civile della Corte di cassazione nell'ordinanza n. 14598/2021 pubblicata il 26 maggio, ha confermato ancora una volta che,l'utilizzazione con impianti destinati a servizio esclusivo di un'unità immobiliare di proprietà individuale di parti comuni dell'edificio condominiale (nella specie: installazione di una canna fumaria a servizio di attività commerciale) esige il rispetto delle regole dettate dall'art. 1102 c.cAl fine di conclamare la legittimità dell'uso particolare del bene comune, ai sensi dell'art. 1102 c.c., spetta al giudice di verificare altresì se l'opera arrechi pregiudizio al decoro architettonico dell'edificio condominiale, trattandosi di limite legale compreso nel principio generale dettato da tale norma e che perciò deve guidare l'indagine giudiziale sulla verifica delle condizioni di liceità del mutamento di uso. Anche alle modificazioni apportate dal singolo condomino, ex art. 1102 c.c., si applica invero, per identità di "ratio", il divieto di alterare il decoro architettonico del fabbricato previsto in materia di innovazioni dall'art. 1120 dello stesso codice,ricorda la suprema Corte.In particolare,l'appoggio di una canna fumaria al muro comune perimetrale di un edificio condominiale individua una modifica della cosa comune che, seppur conforme alla destinazione della stessa, ciascun condomino può apportare a sue cure e spese, sempre che non impedisca l'altrui paritario uso, non rechi pregiudizio alla stabilità ed alla sicurezza dell'edificio e non ne alteri il decoro architettonico; fenomeno - quest'ultimo - che si verifica non già quando si mutano le originali linee architettoniche, ma quando la nuova opera si rifletta negativamente sull'insieme dell'armonico aspetto dello stabile, a prescindere dal pregio estetico che possa avere l'edificio. Neppure può attribuirsi alcuna influenza, ai fini della tutela prevista dall'art. 1102 c.c., al grado di visibilità delle innovazioni contestate, in relazione ai diversi punti di osservazione dell'edificio, ovvero alla presenza di altre pregresse modifiche non autorizzate, precisa la Cassazione.Ai fini della tutela del decoro architettonico dell'edificio condominiale, non occorre che il fabbricato abbia un particolare pregio artistico, né rileva che tale fisionomia sia stata già gravemente ed evidentemente compromessa da precedenti interventi sull'immobile. Neppure è decisiva la diminuzione di valore economico correlata alla modifica, in quanto, ove, come nella specie, sia accertata una alterazione della fisionomia architettonica dell'edificio condominiale, per effetto della realizzazione di una canna fumaria apposta sulla facciata, il pregiudizio economico risulta conseguenza normalmente insita nella menomazione del decoro architettonico, che, costituendo una qualità del fabbricato, è tutelata - in quanto di per sé meritevole di salvaguardia - dalle norme che ne vietano l'alterazione.

  • Cassa Geometri al servizio degli iscritti: apertura degli uffici sabato 19 giugno dedicata ai contributi e all'offerta di welfare
    Cassa Geometri al servizio degli iscritti: apertura degli uffici sabato 19 giugno dedicata ai contributi e all'offerta di welfare

    Cassa Geometri, al fine di essere più vicina ai propri iscritti e garantire una maggiore assistenza, prosegue nell’iniziativa dell’apertura degli uffici per un sabato al mese.
    Il prossimo sabato 19 giugno sarà in particolare dedicato ai temi dei contributi e del welfare.
    Gli iscritti avranno così l’opportunità di verificare la propria posizione contributiva, ottenere supporto in merito agli adempimenti contributivi, effettuare domande di rimborso, di ricongiunzione e di riscatto ed essere informati sulle ultime novità come ad esempio l’esonero contributivo. Avranno inoltre a disposizione il personale della Cassa per approfondire e ricevere informazioni in merito all’offerta di welfare ed in particolare all’estensione della polizza sanitaria.  
    Sabato 19 giugno il servizio sarà offerto dalle 9.00 alle 13.00 contattando il numero dedicato 06/32686300.
    Si ricorda che le successive aperture del sabato - dopo il 19 giugno - saranno il 18 settembre, il 16 ottobre, il 13 novembre, ed il 18 dicembre. Saranno in seguito comunicati i temi trattati nel corso delle prossime aperture

Comunicati

MODIFICA ARTICOLO 2 REGOLAMENTO SULLA CONTRIBUZIONE - INNALZAMENTO AL 5% ALIQUOTA CONTRIBUTO INTEGRATIVO PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Il Comitato dei Delegati presso Cassa Geometri ha approvato la modifica ( dal 1 Gennaio 2021) dell'articolo 2 del regolamento sulla contribuzione portando al 5% l'aliquota del contributo integrativo da applicare il fattura anche nei confronti delle Pubbliche Amministrazioni.  
Riunione Comitato Delegati Cassa del 25 e 26 novembre 2020 Si pubblica importante comunicazione a firma del Delegato Cassa del Collegio Provinciale Dei Geometri e dei Geometri Laureati di Taranto.
POR PUGLIA 2014/2020 - AVVISO PUBBLICO "PASS IMPRESE 2020" Si pone all'attenzione degli iscritti comunicazione del Presidente, inviata a tutti via mail, con richiamo all'avviso pubblico POR PUGLIA PASS IMPRESE 2020. In fondo alla pagina è possibile scaricare la documentazione completa che integra la comunicazione a firma del Presidente.  
  • COMUNE DI FRAGAGNANO (TA) ATTIVAZIONE SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZA - MODALITA' OPERATIVE
    COMUNE DI FRAGAGNANO (TA) ATTIVAZIONE SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZA - MODALITA' OPERATIVE

    Il Comune di Fragagnano (Ta) ha inviato comunicazione alla segreteria del Collegio dei Geometri relativamente alla alla costituzione dello SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA aderendo al portale www.impresainungiorno.gov.it attivo presso la Camera di Commercio Industria ed Artigianato di Taranto.
    Con decorrenza dal 01.06.2021 le istanze di PdC, CIL, CILA, SCIA ecc..dovranno essere inoltrate ESCLUSIVAMENTE utilizzando la procedura informatica all'uopo predisposta.
    Tuttavia, per permettere il graduale avviamento della nuova procedura da parte dell'Utenza, a partire da tale data si accetteranno le pratiche edilizie come segue:
    - dal 01.06.2021 al 31.08.2021: si accetteranno le pratiche sia in modalita cartacea, sia in modalità telematica tramite SUE, utilizzando esclusivamente formati A4 ed A3;
    - dal 31.08.2021 in poi: si accetteranno le pratiche esclusivamente in modalità telem<tica tramite SUE, utilizzando esclusivamente formati A4 ed A3, le pratiche presentata con altre modalità verranno respinte.
    Si allega comunicazione ufficiale del Comune di Fragagnano

    Download allegati: SUE_Comune_di_Fragagnano_1.pdf
    Scritto Martedì, 25 Maggio 2021 09:22
  • AVVISO PUBBLICO COMUNE DI FRATTAMAGGIORE (NA) COMMISSIONI SISMICHE
    AVVISO PUBBLICO COMUNE DI FRATTAMAGGIORE (NA) COMMISSIONI SISMICHE

    Avviso pubblico Comune di Frattamaggiore (Na) per la costituzione di un elenco di professionisti idonei a ricoprire l'incarico di membri delle commissioni sismiche comunali.

    Scritto Martedì, 25 Maggio 2021 08:47
  • AVVISO PUBBLICO INVITALIA
    AVVISO PUBBLICO INVITALIA

    Avviso pubblico Istituzion e sul portale di INVITALIA Agenzia Nazionale per l’ Attrazione degli Investimenti e lo Sviluppo d’Impresa S.p.a), di un sistema di qualificazione ed un albo unico, con funzioni di elenco di fornitori e di commissari di gara esterni per conto del Commissario Straordinario Unico per la depurazione.

    Si informa che il disciplinare per la costituzione di un albo unico con funzioni di elenco di fornitori per gli affidamenti di contratti pubblici e di commissari di gara esterni, è disponibile all’indirizzo:
    https://ingate.invitalia.it/web/fornitori.shtml nella sezione Fornitori. In allegato comunicazione ufficiale del Consiglio Nazionale Geoemetri.

    Scritto Martedì, 25 Maggio 2021 08:40
  • AVVISO PUBBLICO COMUNE DI CASTEL SANTANGELO SUL NERA (MC)
    AVVISO PUBBLICO COMUNE DI CASTEL SANTANGELO SUL NERA (MC)

    Il consiglio Nazionale dei Geometri e dei Geometri Laureati ha reso nota l' Avviso pubblico Affidamento dei servizi tecnici attinenti all’architettura e all’ingegneria per la progettazione di fattibilità tecnica ed economica, definitiva ed esecutiva, coordinamento della sicurezza in fase di progettazione e indagini geologiche, con riserva di affidamento del la direzione lavori, misura e contabilità, coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione relativi ai lavori di demolizione e ricostruzione del “MUSEO CENTRO VISITE IL CERVO”
    Comune di Castelsantangelo sul Nera (MC)

    Scritto Martedì, 25 Maggio 2021 08:37
  • SUPERBONUS 110% - Chiarimenti dall’Enea sulle asseverazioni e conformità
    SUPERBONUS 110% - Chiarimenti dall’Enea sulle asseverazioni e conformità

    Su temi relativi alla conformità e l’asseverazione riguardo il Superbonus, l’Enea ha redatto due importanti documenti. Il primo documento dedicato al computo metrico definisce nel dettaglio:

    ▪ i requisiti tecnici, i prezzari e le spese da indicare in funzione della data di inizio lavori;

    ▪ la procedura prevista dall’Allegato A, punto 13 di cui al DM 06/08/2020 (c.d. Decreto Requisiti tecnici);

    ▪ il computo metrico da allegare sul portale SuperEcobonus;

    ▪ le voci del computo metrico;

    ▪ i costi da allegare;

     In riferimento alla verifica di congruità dei costi da allegare alla asseverazione, l’Enea ricorda che i prezzi contenuti nei prezzari non sono quelli da applicare, ma sono quelli massimi applicabili e che non è la regola applicare sempre questi prezzi.

    In allegato la guida informativa

     

    Download allegati: ENEA_SUPERBONUS_2021.pdf
    Scritto Martedì, 25 Maggio 2021 08:33
  • CONCORSO PUBBLICO COLLEGIO DEI GEOMETRI DI TARANTO - VERBALE COMMISSIONE - NOMINATIVI ESCLUSI

    Si pubblica il Verbale della Commissione riunitasi in data 7 Maggio 2021 per il Concorso per 2 posti di Area B - Livello economico B2 con i nominativi degli esclusi e degli ammessi.

    Download allegati: Verbale-01-2.pdf
    Scritto Martedì, 11 Maggio 2021 12:11
  • DICHIARAZIONE DEI REDDITI: NUOVI ONERI AMMINISTRATIVI PER IMPRESE E PROFESSIONISTI CHE HANNO BENEFICIATO DEI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO
    DICHIARAZIONE DEI REDDITI: NUOVI ONERI AMMINISTRATIVI PER IMPRESE E PROFESSIONISTI CHE HANNO BENEFICIATO DEI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO

    Sono maggiori gli oneri amministrativi per due milioni di imprese e di professionisti che hanno beneficiato dei contributi a fondo perduto nel corso del 2020 per fronteggiare i pesanti effetti economici della pandemia. Il nuovo modello di dichiarazione dei redditi, infatti, prevede che la sezione dove indicare i dati sugli Aiuti di Stato non sia più limitata agli aiuti fiscali automatici ma comprenda anche i benefici erogati a fondo perduto da parte dell’Agenzia delle Entrate.
    Nel riquadro non sarà sufficiente inserire l’ammontare del contributo ricevuto, dovrà essere calcolato il risparmio d’imposta ottenuto dall’impresa in ragione della situazione reddituale dichiarata per l’anno 2020 in quanto i contributi a fondo perduto causa Covid sono esclusi dalla tassazione.
    Si allega la Risposta dell’AdE sul Lavoro autonomo - ritenuta d'acconto Articolo 25 del d.P.R. n. 600 del 1973.

    Scritto Venerdì, 07 Maggio 2021 09:14
  • KYOTO CLUB - CNR-IIA - POLITICHE DI MOBILITÀ E QUALITÀ DELL’ARIA NELLE CITTA' ITALIANE 2021
    KYOTO CLUB - CNR-IIA - POLITICHE DI MOBILITÀ E QUALITÀ DELL’ARIA NELLE CITTA' ITALIANE 2021

     

     

    Le città si attrezzano per essere sempre più “green” ma serve la spinta del PNRR. Aumentano le reti ciclabili, bene il bike sharing, è boom della micromobilità, crisi del trasporto collettivo. Il report è stato presentato dal CNR-IIA. L’esplosione della pandemia da covid-19, all’inizio dello scorso anno, aveva inizialmente ridotto il traffico delle città e di conseguenza anche l’inquinamento. Ma nella seconda metà dell’anno le emissioni legate al settore della mobilità sono tornate ad aumentare, con il rischio di un ritorno al business as usual pre-covid. I centri grandi e medi si riorganizzano per essere sempre più “green” puntando su reti ciclabili, micromobilità e sul trasporto pubblico. Tuttavia, la crisi che sta vivendo il trasporto pubblico, la sospensione delle Ztl vanifica parte degli sforzi messi in campo. I dati non aiutano a lasciar ben sperare la rincorsa contro il tempo verso la decarbonizzazione delle città italiane che faticheranno sempre più ad essere in linea con le altre capitali europee: entro il 2030 tutto il Vecchio Continente dovrà tagliare il 55% delle emissioni climalteranti. Ma a questo ritmo il target rimane irraggiungibile.
    Sono questi i principali temi del quarto Rapporto “MobilitAria 2021”, realizzato da Kyoto Club e dell’Istituto sull’inquinamento atmosferico del Consiglio nazionale delle ricerche (CNR-IIA), che analizza i dati della mobilità e della qualità dell’aria al 2020 nelle 14 città metropolitane e nelle 22 città medie italiane che hanno approvato i PUMS. 

     

     

     

    Download allegati: Rapporto-MobilitAria2021.rar
    Scritto Lunedì, 03 Maggio 2021 10:12